informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Alla pressante esigenza di ottenere una reale integrazione fra i popoli, visti i crescenti flussi migratori sia in entrata sia in uscita estesi ormai a tutta l’Africa e il Medioriente, Unicusano risponde proponendo il Master in Mediazione culturale a Torino. Si tratta di un percorso che mira a facilitare il dialogo, l’accettazione e lo scambio con chi proviene da contesti culturali apparentemente molto distanti e far comprendere l’importanza dell’accoglienza e della solidarietà nei confronti di popoli che parlano lingue diverse e hanno usi e costumi che non ci sono familiari.

Diventare professionisti della Mediazione Interculturale a Torino significa arricchirsi di una serie di competenze distinte ma fra loro collegate: dagli ambiti della pedagogia generale e interculturale alla psicologia sociale e dell’educazione, dall’antropologia alla gestione e risoluzione dei conflitti, fino agli elementi di base del diritto giuridico nazionale e internazionale. Un certo rilievo è dato inoltre ai mezzi di comunicazione, sia quelli nuovi sia i tradizionali, poiché un buon professionista dell’integrazione non può ignorare tecniche e metodi da applicare in quest’ambito. La formazione di un Mediatore Culturale a Torino sarà poi correlata da un modulo consacrato alla preparazione linguistica, fondamentale per chi intenda rapportarsi verbalmente con le persone di cui deve seguire e curare l’inserimento nel nostro Paese.

A conclusione del corso gli studenti saranno in grado di operare all’interno di organizzazioni pubbliche e private, in enti non governativi e Onlus, in istituti scolastici e di formazione. Fra gli sbocchi lavorativi più diffusi: operatori socio-culturali, operatori nella cooperazione e nel volontariato nazionale e internazionale, mediatori culturali nelle ambasciate.

Un aspetto particolarmente interessante del Master in Mediazione Culturale di Torino in modalità e-learning è rappresentato da seminari online dedicati alla presentazione di gestione simulata di casi. Fra questi, fase di accoglienza, gestione del colloquio iniziale, riformulazione della domanda, definizione del contratto e gestione dei colloqui.