informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Castelli a Torino e dintorni: i più belli da visitare assolutamente

Commenti disabilitati su Castelli a Torino e dintorni: i più belli da visitare assolutamente Studiare a Torino

Castelli a Torino ce ne sono molti. D’altronde il profumo della famiglia Savoia si sente ancora forte e la città ha da sempre avuto forti legami con la monarchia e le sue ramificazioni. Se siete studenti fuori sede e cercate cose da fare a Torino durante il vostro tempo libero, non potete rinunciare a questi storici palazzoni che sono stati tirati su tra il Medioevo e il periodo più illuminato (e piacevole) del Rinascimento. Se sappiamo (e lo abbiamo detto tante volte) quanto sia importante la gestione delle pause studio per un giovane, è bene sottolineare che dedicarle alla cultura è saggio. Tiene la testa in movimento, seppur lontana dai libri e dallo stress, e forma in voi uni spirito di curiosità che vi tornerà utile nella vita a diversi livelli. Ecco una lista dei castelli imperdibili del capoluogo del Piemonente. Buona lettura e, si spera, buona visita.

Volete vedere i castelli di Torino? Non sono pochi ma sono tutti bellissimi. Tra una sessione di studio e l’altra, date alla testa cibo. Ecco la lista di quello che c’è da vedere in tal senso:

  • Castello di Venaria Reale, è stato costruito nel Seicento su volere della famiglia Savoia. Rispetto ad altri edifici dello stesso periodo storico, qua brilla la sobrietà. Merito del gusto e della tecnica dell’architetto Amedeo di Castellamonte. Il parco circostante è splendido;
  • Palazzo Madama di Torino, si tratta del vero fulcro vitale della Torino sabauda, simboleggiando senza ombra di dubbio la centralità subalpina in quello che era il grande progetto dei Savoia. L’impianto del Palazzo ha origini in epoca romana. Nel Settecento acquisì molta della odierna solennità grazie al grande avancorpo progettato dall’architetto Juvarra. Rilevanti lavori di restauro lo hanno fatto ancor più bello;
  • Castello di Masino, fondato nel 1070, risulta essere di proprietà dei conti di Valperga che per dieci secoli ne hanno seguito le vicissitudini. Della primissima pianta quadrilatera oggi resta poco ma il restauro ad opera del FAI ha salvato un edificio che, rispetto ad altri, ha rischiato troppo il logorio del tempo;
  • Castello Benso di Mercenasco, detto il sastello “Benso” di Mercenasco, sorge su una bella altura a est del paese, sopra ad antiche fortificazioni del XV secolo. Il maniero è passato nei secoli di proprietà in proprietà, dai conti di Valperga di Masino, ai Brichanteau, marchesi che diedero al castello le attuali sembianze. Oggi questo bel castello è ben conservato e circondato da un grande parco;
  • Castello di Moncalieri, è il perfetto prototipo del monumento sabaudo grandioso e maestoso. Lo dimostra l’impianto architettonico solido ed elegante, ancora in buone condizioni, ma lo dimostrano, anche e soprattutto, gli interni raffinati di evidente gusto francese. Non a caso le ricche sale della palazzina reale ospitano spesso eventi culturali importanti.

Castelli nei dintorni di Torino

Spesso la condizione economica dello studente fuori sede non è delle più floride. Questo rende difficile spostarsi fuori dalla città dove ci sono meno mezzi pubblici. Sw, però, avete modo di lasciare il perimetro urbano, ecco cose da vedere oltre ai castelli di Torino. Ecco i principali castelli nei dintorni:

  • Castello e Parco di Masino (Caravino);
  • Castello di Aglié (Aglie);
  • Castello di Miradolo (San Secondo di Pinerolo);
  • Castello di Pralormo (Pralormo);
  • Castello Reale di Moncalieri (Moncalieri);
  • Castello Cavour Santena (Santena);
  • Castello di Ivrea (Ivrea);
  • Castello del Valentino;
  • Castello di Avigliana (Avigliana);
  • Castello di Malgrà (Rivarolo Canavese);
  • Castello di Montalto Dora (Montalto Dora);
  • Castello di Parella (Parella);
  • Castello di Marchierù (Villafranca Piemonte);
  • Castello Abbaziale (Sant’Ambrogio di Torino);
  • Castello della Rotta (Moncalieri);
  • Rocca di Re Arduino (Sparone);
  • Castello di Cesnola (Settimo Vittone);
  • Castello degli Albezi e Borgata Sala di Giaveno (Giaveno);
  • Castello di San Severino (Sciolze);
  • Castello Saffarone (Torino);
  • Castello di Sambuy (San Mauro Torinese).

 Cosa vedere in Piemonte

Avete visto le attrazioni turistiche di Torino. Avete vistato i suoi dintorni. E ora? Ora arriva il bello perché, forse non ve ne eravate accorti, siete nel bel mezzo di una delle regioni più belle e storiche d’Italia. Ecco cosa vedere in Piemonte in modo schematico:

  • Lago Maggiore;
  • Museo Egizio;
  • Parco del Valentino;
  • Mole Antonelliana;
  • Lago d’Ora;
  • Isole Borromee;
  • Museo Nazionale del Cinema;
  • Basilica di Superga;
  • Monviso;
  • Cascata del Toce;
  • Lingotto;
  • Isola Bella;
  • Isola Madre;
  • Palazzo Reale.

E’ chiaro poi che molto dipende dai gusti personali. I giovani, per esempio, amano la musica e la città è stata un polo importante negli anni 90. Gente come Afterhours e Subsonica arriva da là e la scena è ancora in fermento.

Se non avete ancora fatto il pieno di castelli a Torino, poco ci manca. Poco male perché ogni ricreazione finisce e anche la vostra è finita. Tornate allo studio e fatelo informandovi bene sulle materie, il piano di studi e tutto quello che c’è da sapere sui vostri corsi. Come? Molti vi diciamo noi tra le righe degli articoli del nostro blog universitario di Torino o con le risposte ai quesiti che ci ponete (e ci porrete) attraverso l’apposito form di richiesta di informazioni.