informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cos’è e come funziona il modello AS AD?

Commenti disabilitati su Cos’è e come funziona il modello AS AD? Studiare a Torino

Chiunque si ritrovi a studiare macroeconomia deve prima o poi approcciarsi con tutta una serie di modelli matematici necessari per comprendere i mercati finanziari, l’andamento dei beni e del lavoro. Uno degli indicatori più importanti nel campo finanziario ed economico è il modello AS AD. Se ti sei iscritto al corso di economia magistrale a Torino sai esattamente di cosa stiamo parlando.

Il modello AS AD è un modello economico utilizzato per analizzare le condizioni dell’equilibrio macroeconomico sulla base del reddito e dei prezzi. Spiegato così sembra tutt’altro che difficile, eppure è uno dei modelli che genera maggiori incomprensioni tra gli studenti. Cerchiamo di districarne i motivi.

Cos’è il modello AS AD?

Il modello Aggregate Supply-Aggregate Demand (AS/AD in breve) è progettato per analizzare il comportamento di breve periodo di un’economia chiusa. Il modello AS/AD fornisce una facile comprensione del funzionamento e dell’efficacia delle misure della politica di stabilizzazione, prendendo in considerazione il livello dei prezzi e la produzione attraverso il rapporto tra domanda aggregata e offerta aggregata. Nel modello AD-AS l’equilibrio è rappresentato da un certo livello di produzione Y e da un certo livello dei prezzi indicato con P. Sono utilizzate due curve per la rappresentazione grafica di questo modello, la curva AS e la curva AD.

Si basa sulla teoria di John Maynard Keynes presentata nel suo lavoro The General Theory of Employment, Interest and Money. È una delle principali rappresentazioni semplificate nel moderno campo della macroeconomia ed è utilizzato da un’ampia gamma di economisti, dai sostenitori libertari e monetaristi del laissez-faire, come Milton Friedman, ai sostenitori post-keynesiani dell’interventismo economico, come Joan Robinson.

Nel modello AS AD i movimenti delle due curve possono essere utilizzati per prevedere gli effetti che i vari eventi esogeni avranno su due variabili: il PIL reale e il livello dei prezzi. Inoltre, il modello può essere incorporato come componente in uno qualsiasi di una varietà di modelli dinamici (modelli di come le variabili come il livello dei prezzi e altre evolvono nel tempo). Il modello AS AD può essere correlato al modello della curva di Phillips dell’inflazione e della disoccupazione dei salari o dei prezzi.

Come funziona la curva di domanda aggregata?

La curva AD (domanda aggregata) è definita dal reddito di equilibrio IS-LM a diversi livelli di prezzo potenziale. La curva AD inclinata verso il basso è derivata dal modello IS-LM. Mostra le combinazioni del livello dei prezzi e del livello della produzione a cui i mercati dei beni e delle attività sono simultaneamente in equilibrio.

L’equazione per la curva AD in termini generali è:

Y=Yd (M/P, G, T, Z1)

dove Y è il PIL reale, M è l’ offerta di moneta nominale, P è il livello dei prezzi, G è la spesa pubblica reale, T sono le tasse reali applicate e Z 1 altre variabili che influenzano la posizione della curva IS (qualsiasi componente della spesa) o la curva LM (influenze sulla domanda di moneta). L’offerta di moneta reale ha un effetto positivo sulla domanda aggregata, così come la spesa pubblica reale; le tasse hanno un effetto negativo su di essa.

A differenza della curva di domanda aggregata, la curva di offerta aggregata di solito non si sposta in modo indipendente. Questo perché l’equazione per la curva di offerta aggregata non contiene termini che sono indirettamente correlati al livello dei prezzi o alla produzione. Invece, l’equazione per l’offerta aggregata contiene solo termini derivati ​​dal modello AS-AD. Per questo motivo, per capire come si sposta la curva di offerta aggregata, dobbiamo lavorare dal modello AS-AD nel suo insieme.

L’intersezione della curva di offerta aggregata di breve periodo, della curva di offerta aggregata di lungo periodo e della curva di domanda aggregata fornisce il livello dei prezzi di equilibrio e il livello di equilibrio della produzione. Questo è il punto di partenza per tutti i problemi che riguardano il modello AS-AD.

Cambiamenti nella domanda aggregata nel modello AS-AD

La causa principale dei cambiamenti nell’economia è la domanda aggregata. Ricordiamo che la domanda aggregata può essere influenzata dai consumatori sia nazionali che esteri, dalle banche e dal governo. In generale, qualsiasi politica espansiva sposta la curva di domanda aggregata a destra mentre qualsiasi politica restrittiva sposta la curva di domanda aggregata a sinistra.

Nel lungo periodo, tuttavia, poiché l’offerta aggregata a lungo termine è dipendente dai fattori di produzione, l’offerta aggregata a breve termine si sposta a sinistra in modo che l’unico effetto di una variazione della domanda aggregata sia una variazione del livello dei prezzi.

Questa è la logica che si applica a tutti gli spostamenti della domanda aggregata. L’equilibrio di lungo periodo è sempre dettato dall’intersezione della curva di offerta aggregata verticale di lungo periodo e della curva di domanda aggregata. L’equilibrio di breve periodo è sempre dettato dall’intersezione della curva di offerta aggregata di breve periodo e della curva di domanda aggregata. Quando la curva di domanda aggregata si sposta, l’economia si sposta sempre dall’equilibrio di lungo periodo all’equilibrio di breve periodo e poi di nuovo a un nuovo equilibrio di lungo periodo. Tenendo presenti queste regole è possibile interpretare gli effetti di qualsiasi spostamento della domanda aggregata sia nel breve che nel lungo periodo.

Cambiamenti nell’offerta aggregata nel modello AS-AD

Gli spostamenti nella curva di offerta aggregata di breve periodo sono molto più rari degli spostamenti nella curva di domanda aggregata. Di solito, la curva di offerta aggregata di breve periodo si sposta solo in risposta alla curva di domanda aggregata. Ma, quando si verifica uno shock dell’offerta, la curva di offerta aggregata di breve periodo si sposta senza sollecitazioni dalla curva di domanda aggregata. Fortunatamente, il processo di correzione è esattamente lo stesso per uno spostamento della curva di offerta aggregata di breve periodo come per uno spostamento della curva di domanda aggregata.

Cioè, quando la curva di offerta aggregata di breve periodo si sposta, esiste un equilibrio di breve periodo in cui la curva di offerta aggregata di breve periodo interseca la curva di domanda aggregata. Quindi la curva di domanda aggregata si sposta lungo la curva di offerta aggregata di breve periodo fino a quando la curva di domanda aggregata interseca sia la curva di offerta aggregata di breve che quella di lungo periodo. Una volta che l’economia raggiunge questo nuovo equilibrio di lungo periodo, il livello dei prezzi cambia, ma la produzione no.

Esistono due tipi di shock di offerta. Gli shock negativi sull’offerta includono aspetti come aumenti dei prezzi del petrolio, una siccità che distrugge i raccolti e azioni sindacali aggressive. In generale, gli shock negativi dell’offerta fanno aumentare il livello dei prezzi per una data quantità di produzione. Questo è rappresentato da uno spostamento verso sinistra della curva di offerta aggregata di breve periodo. Gli shock positivi sull’offerta includono fattori come diminuzioni dei prezzi del petrolio o un’inaspettata stagione di grandi raccolti. In generale, shock di offerta positivi fanno diminuire il livello dei prezzi per una data quantità di produzione. Questo è rappresentato da uno spostamento verso destra della curva di offerta aggregata di breve periodo.

Questa è la logica che viene applicata a tutti i cambiamenti nell’offerta aggregata di breve periodo. L’equilibrio di lungo periodo è sempre dettato dall’intersezione della curva di offerta aggregata verticale di lungo periodo e della curva di domanda aggregata. L’equilibrio di breve periodo è sempre dettato dall’intersezione della curva di offerta aggregata di breve periodo e della curva di domanda aggregata.

Credits immagine: Depositphotos/Petrovich99