informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Che cos’è un piano di comunicazione e a cosa serve

Commenti disabilitati su Che cos’è un piano di comunicazione e a cosa serve Studiare a Torino

Vuoi sapere cos’è un piano di comunicazione? Qual è la sua funzione? Questa è la guida che fa per te.

Il piano di comunicazione è uno strumento strategico che ha il compito di guidare le attività di comunicazione necessarie al raggiungimento di uno o più obiettivi. Sono descritte, anche, scadenze e attività.

L’obiettivo è quello di fare arrivare un messaggio nel momento giusto alle persone giuste, in modo coerente.

È dunque l’alleato migliore per qualunque azienda, marchio o ente.

Questo strumento è utile per gestire le attività sui social media e le azioni che si vogliono far compire agli utenti attraverso il sito web. È ovviamente fondamentale anche per gli strumenti di comunicazione tradizionali (offline).

Ogni piano di comunicazione che si rispetti non può prescindere dalle esigenze dei consumatori/fruitori, dunque bisogna seguire delle precise regole di strutturazione che ti mostrerò nei prossimi paragrafi.

LEGGI ANCHE – Come gestire (e superare) il primo colloquio di lavoro.

A chi è utile un piano di comunicazione

Cos’è un piano di comunicazione? Un piano di comunicazione può essere utile ad aziende, brand, marchi, associazioni no profit e organizzatori di eventi. Nei paragrafi successi ti darò qualche utile dritta che possa aiutarti a creare un buon piano di comunicazione digitale.

LEGGI ANCHE – Come usare i social network per lavoro: consigli utili da sfruttare.

Strategia di comunicazione aziendale

Ogni piano di comunicazione è mirato alle necessità di una determinata azienda. Capire se l’azienda stia già applicando altri metodi di comunicazione è fondamentale per coordinarsi e creare continuità tra i vari metodi di comunicazione.

Il miglior modo di procedere è quello di seguire diverse fasi operative.

Primo step (analisi):

  • Mercato/i di riferimento
  • Campagne di comunicazione usate in passato o in atto
  • Chi sono i competitori
  • La presenza in rete dell’azienda
  • Monitorare la situazione online dell’azienda per individuare possibili influencer

Secondo step (obiettivi):

  • Posizionamento/riposizionamento dell’azienda o di un prodotto
  • Attribuzione di nuovi valori all’azienda o ad un prodotto

Gli obiettivi del piano di comunicazione possono essere diversi a seconda del caso. Gli obiettivi devono essere SMART: Specifici, Misurabili, Accessibili, Realistici, Temporizzabili.

Terzo step (individuare i buyer persona). Attraverso:

  • Sondaggi (Survey Monkey)
  • Osservazione
  • Definizione demografica dei clienti

Individuare l’identikit dei buyer personae segmentarli è fondamentale per capire quale tipo di pubblico si deve raggiungere. Per affinare la ricerca puoi anche fare uso di strumenti quali:

  • Google analytics
  • Facebook Insights
  • Instagram Insights

Avendo una targetizzazione precisa dei buyer persona sarà più facile raggiungere il consumatore giusto al momento giusto.

Quarto step (strategia):

  • Contenuti della comunicazione (cosa dico)
  • Tono di voce (come lo dico)
  • “Volume” e “Intensità (con quale frequenza)

Adesso non ti resta che valutare il budget e il tempo e concepire il contenuto creativo utile alla tua mission!

Comunicazione per un evento

Cosa fai quando cerchi l’evento che fa per te in città? Immagino che come prima cosa consulti cosa ti propone la rete.

Mettiti nell’ottica di essere tu l’organizzatore di un evento: sarebbe una buona mossa quella di creare un piano di comunicazione sui social media.

Nella prima fase del nostro piano di comunicazione dobbiamo cercare di capire quali sono i canali di promozione più adatti alle nostre necessità. Sicuramente Facebook sarà la piattaforma migliore anche perché ci offre diverse possibilità di promozione. Ma a seconda degli eventi possono risultare utili anche altri canali.

Canali, target e contenuto

In questa prefase dobbiamo individuare:

  • Strategia
  • Obiettivi
  • Canali da utilizzare
  • Budget
  • Eventuali coinvolgimenti di personalità di spicco
  • Tempistiche
  • Risultati attesi

Per individuare i contenuti perfetti per il tuo evento su Facebook devi chiederti perché qualcuno dovrebbe voler partecipare al tuo evento, cosa gli offre di interessante. Devi individuare i punti di forza. Quello che devi dare al pubblico è un’esperienza che non può essere perdersi, l’utente deve immaginare di essere già parte dell’evento. Dobbiamo quindi dare delle informazioni precise e dettagliate. Ogni qualvolta che condividiamo un contenuto lo dobbiamo rendere riconoscibile specificando:

  • Giorno
  • Luogo
  • Orario
  • Link per iscrizioni o pagamenti

Gestire bene il tempo è fondamentale, infatti, ti consiglio di preparare una deadline in cui ti dai delle scadenze sulla pubblicazione dei contenuti. Se hai un budget a disposizione per il piano di comunicazione dell’evento investine una parte per dare visibilità alla pagina evento su Facebook. Il target viene definito in base a:

  • “Tema” dell’evento
  • Portata dell’evento

In base a questi due fattori andiamo a targetizzare il nostro pubblico ideale.

Facebook ci mette a disposizione uno strumento molto efficace: Facebook Live che potremmo utilizzare per documentare in diretta il nostro evento. Ti consiglio però di accertarti di avere un connessione wifi e gli strumenti giusti. Sarebbe buono considerare la diretta nella prefase del tuo piano di comunicazione.

Ma comunque non ti scordare che lo strumento più forte per raccontare un evento restano le foto.

Nella fase post ti devi occupare di condividere i “ricordi” dell’evento entro i quattro giorni successivi e di fare un’analisi delle performance online.

Conclusioni e studi consigliati

Se ti affascina il mondo della comunicazione e ti piacerebbe diventare un professionista del settore, l’Università Niccolò Cusano offre diversi corsi che possono fare al caso tuo. Dal master I Livello in Social media manager e scrittura per web a quelli in Comunicazione nella pubblica amministrazione, Art Communications e Digital Marketing.

Per scoprire questi e altri master attinenti, visita l’area didattica del portale Unicusano.it.